Fondazione «Giovanni, Maria Teresa e Marino Piazzolla» riconosciuta con deliberazione n° 6487 del 1 Luglio 1988 Giunta Regionale del Lazio

e-mail: fondazionepiazzolla@libero.itaggiornato il 25/07/2019

Opere » Un'acuta indagine critica di Gianni Nicoletti: La bellezza di Baudelaire

da "LA FIERA LETTERARIA", 23/4/1961

In nessun poeta moderno come in Baudelaire poetica e poesia si fondono in una unitaria visione della vita come arte e dell'arte come vita nella Bellezza. Ma quale fu, per questo poeta attento a tutte le scoperte del gusto, o della forma considerata in senso assoluto, la sorgente stessa della vita e della Bellezza? Gianni Nicoletti, nel suo acuto e dotto saggio Poesia in Baudelaire (Ca' Diedo Editore in Venezia) è riuscito a dimostrare che sia "Les Fleures du Mal" quanto "Les Petits poèmes en prose" sono il fiore di una fantasia perfetta in se. "Ciò che ci introduce abbastanza bene, mi sembra, a mostrare come tutto in Baudelaire sia Bellezza, - e la Bellezza il simbolo del suo tutto". Alla radice del poetare, dell'atto poetico per eccellenza, noi troviamo quella immaginazione creativa che per Baudelaire è "la reine des facultés... qui a enseigné à l'homme le sens morale de la couleur, du contour, du son et du parfum".
In Baudelaire, osserva il Nicoletti, "la Bellezza svincolata dai fini estrinseci diventa attività unificatrice, massima libertà: ovvero, l'universalità dell'io si concretizza come legislazione morale, siccome il gusto è atteggiamento originale e personale. Baudelaire realizza questa sua visione con il simbolo degli occhi, con il guardare: "tu contiens dans ton oeil le couchant et l'aurore". La Bellezza, perciò, contempla se stessa: guarda il mondo con i suoi occhi, che sono poi gli occhi antichi e sempre nuovi del poeta. Infatti: "Nulla c'è al di fuori del poeta, - non il dolore, non gli stracci, non le piaghe, non i vizi, non il male: tutto è poeta. Tutto è la sua coscienza, tutto èla sua esperienza. Baudelaire non riconosce bensì conosce, cioè nasce e vive insieme alla sua creatura".
Per questa via sarà sempre il poeta a illuminare gli oggetti con la forza della sua immaginazione creativa, la quale fa compiere al poeta Baudelaire "la rivoluzione copernicana della poesia moderna".
Soltanto la fantasia e un sotterraneo amore per la Bellezza spingono Baudelaire a rivivere, soltanto simbolicamente, le terribili cadute nel vizio. Il male, per questo poeta che ordina in ritmi solenni il suo dolore di uomo tramutandolo in gioia contemplativa, non scaturisce da una disarmonia oggettiva. Non è il male la lontananza assoluta e dualistica dal bene; esso è invece il riflesso di una coscienza che, attraverso la Bellezza, si è posta al di là del bene e del male. Come tutti i puri che apparentemente sembrano disgregarsi nell'attesa di un'esistenza adeguata alla propria purezza, Baudelaire divenne l'interprete armonioso di una colpa non commessa, ma di cui sentì la presenza fisica. Come i solitari, abituati ai penosi e consolanti soliloqui sul proprio destino in questo mondo, Baudelaire decifra poeticamente la nausea ed esprime sempre un desiderio di vita nella Bellezza. Come i più ricchi di castità originaria, sembra dire il Nicoletti, questo poeta partecipò idealmente a un'ingenua corruzione, salvandosi in virtù di una soccorrevole magia che gli sale dal cuore, ma soprattutto gli nasce da una immaginazione libera, e nello stesso tempo controllata dal rigore e dal gusto.
E nell'innocenza vigile della noia, Baudelaire non cessò mai di fissare la malinconica presenza della Bellezza. Inventò infatti suggestive penombre per collocarle su ciò che corre allo sfacelo. Si distendono, nel panorama di una bellezza umana e immota, donne che si accasciano nelle voluttà proibite; paesaggi che si annebbiano, pazienti vecchine, stordite da una forma di dimenticanza. In una costante ricezione visiva, olfattiva e auditiva, Baudelaire accolse i risultati dello stordimento terrestre e il male come un manicheo riapparso, sotto le spoglie di un sonnambulo delicatissimo, nell'epoca della lussuria più fluida e del culto per la Bellezza in sé. Sembra allora che i suoi scorci riecheggino una dannazione non del tutto scomparsa. E il poeta si aggrappa a se stesso, a quella esistenza che sembra senza salvezza, ma che in realtà è redenta dalla innocenza. Si direbbe che lo spirito di questo poeta sia quello di un masochista, candido per un eccesso di terrore infantile e che la sua sensualità si neghi ai processi normali della maturità. Pertanto, occorre dire che il suo cattolicesimo non fu dogmaticamente rigoroso. Perdute le esigenze moraleggianti, divenne attitudine estetica nella scelta del proprio destino. Baudelaire fu infatti cattolico fino a quando non giunse alla scoperta della Bellezza: occorreva cioè dimenticare, nella malinconia, quel rimorso che in lui era a volte pentimento di credente e, a volte, attitudine alla creazione poetica.
Si salvò dalla monotonia terribile dell'esistenza in virtù di un paziente lavoro di costruttore orfico. I suoi bassorilievi sono infatti mobili, pur rimanendo pregni di quell'atmosfera accidiosa di uno stanco amore, mai consumato fino in fondo. E non si sa se fu il vizio oggettivo a creare il suo genio angelico o se fu il rimorso di esser nato a proiettare fuori di sé la Bellezza. Nessuno fu più contemporaneo di lui d'una epoca matura per essere esaltata in una lingua armoniosa, in una forma adeguata ai paesaggi apollinei. Di qui il sorgere di certi ritmi, solenni come gli addii di una creatura in esilio, e le apparizioni irreali di una vita che, pure apparentemente in isfacelo, si immobilizzò nella Bellezza.
Baudelaire conobbe dunque tutti i segreti dell'ombra e della luce e non dimenticò mai che il sogno più vivo si realizza in un perpetuo dormiveglia dello spirito. Così poté liberamente, e con l'estrema disciplina del visionario consapevole, ordinare le sue donne dannate e i suoi tramonti gocciolanti angoscia sui muri appassiti della metro-poli. Ecco perché i suoi cieli sono lontani; in essi c e un senso di distanza, un'assenza~della banalità quotidiana. I suoi versi, architettati nella loro armoniosa solitudine, sono quasi permeati di sangue e di ricordi. Baudelaire, infatti, ebbe la esatta intuizione di ciò che il poeta rappresenta fra gli uomini; e non se ne rammaricò, predestinandosi, in tal modo, a comporre elegie per gli amori perduti, per le castità sepolte e per l'ordine proprio di tutte le utopie. Come uomo fu convinto di trovarsi nello stato di una spaventevole attesa; seppe cioè che l'unico rimedio stava nel costruirsi l'universo sempre aereo e plastico delle sillabe, in cui corre l'altra vita: il flusso della Bellezza. E arrivò alla consapevolezza di scavare nella propria lingua il suo vero paradiso.
Nacque così la sua poesia, mortificata soltanto dalla illusoria presenza del vizio e del dolore, ma rallegrata da una luce ferma. In tutta la sua poesia affiora la nostalgia cristiana in toni di serena musica, dove il senso della natura si scioglie nel gusto amaro di soffrire per tutte le creature.
Infatti, da questi fiori maledetti e dai suoi poemi in prosa si sprigiona un solo profumo: quello delle primavere non più umane, ma sommerse nel paradiso ritrovato della Bellezza. Baudelaire avverti inoltre l'abissale distanza fra quel che si è quaggiù e quel che si può o si potrebbe essere in un mondo che soltanto l'immaginazione o il sogno annunzia con l'accento disperato di chi lo rimpiange in uno stato quasi ineffabile. E egli non fu come Dante che tentò di sostituirsi a Dio. Amò invece rimanere suddito nel girone di terra. E volle disperarsi coi propri simili, accomunandosi ad essi fraternamente, offrendo loro il dono più alto della vita: la Bellezza.

su

Cerca nel sito
BIBLIOGRAFIA di Marino Piazzolla
aggiornata
OMAGGIO
A MARINO PIAZZOLLA
versione ONLINE
Vol. 1 - ANTOLOGIA
Vol. 2 - CRITICA
IL 5 PER MILLE PER
SOSTENERE LA FONDAZIONE PIAZZOLLA [2018]
Fondazione Piazzolla - Ritrovaci su Facebook
Fondazione Piazzolla - Seguici su Twitter
NEWS
- Giugno 2019
Pubblicazione
Il fiore della poesia colombiana d’oggi
- 3 Aprile 2019
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 248
VIDEO
- Aprile 2019
Pubblicazione
Il fiore della poesia boliviana d’oggi
- 03 Aprile 2019
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 248
- Gennaio 2019
Rivista "Fermenti"
n.248
- Novembre 2018
Pubblicazione
Scrivi!
- 24 Ottobre 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 247
VIDEO
- 29 settembre 2018
Premio Città di Trento 2018 per la traduzione poetica a POESIE SCELTE di William Cliff
- Luglio 2018
Rivista "Fermenti"
n.247
- Maggio 2018
Pubblicazione
Enlures
- 14 marzo 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 246
VIDEO
- 16 Marzo 2018
Serata dedicata a V. Krivulin, A. Mironov, E. Schwarz
- 11 Marzo 2018
Presentazione
Nel cristallo della stella Mizar
- 14 Marzo 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 246
- Febbraio 2018
Pubblicazione
Nel cristallo della stella Mizar
- Dicembre 2017
Rivista "Fermenti"
n.246
- 23 Novembre 2017
Presentazione recenti titoli Fermenti
VIDEO
- Novembre 2017
Per Nencioni
con 35 lettere inedite
- 09 Agosto 2017
Incontro a S. Ferdinando di Puglia
- Giugno 2017
'900 OUT
Scrittori italiani irregolari
- 21 Aprile 2017
Presentazione
DISPACCI SENZA REPLICA
di Mario Lunetta
VIDEO
- 21 Maggio 2017
Giornata di studi
LEOPARDI TRA POESIA E FILOSOFIA
- 09 Maggio 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
- In ricordo di
Giorgio Bárberi Squarotti
- 15 marzo 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
VIDEO
- 30 Marzo 2017
Presentazione
Prove aperte vol.2
- 18 Marzo 2017
Vernissage
Le distanze tra i filari
- Marzo 2017
Quando il rumore della vita teme la propria eco
- 15 Marzo 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
- Febbraio 2017
Pianisterie
- Febbraio 2017
Rivista "Fermenti"
n.245
- Gennaio 2017
PROVE APERTE vol. II
- Novembre 2016
LE ANCELLE DELLA REGINA MAB
- Ottobre 2016
DISPACCI SENZA REPLICA
Ragionamenti secondari su cultura e società
- 10 settembre 2016
Premio Feronia 2016 per la saggistica assegnato a Prove aperte vol. 1
- 14 giugno 2016
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 244
VIDEO
- 11 Maggio 2016
Incontro Tra qualità e tendenza: le voci di una letteratura che resiste
VIDEO
- 14 Giugno 2016
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 244
- Maggio 2016
Critica e storia
Rendiconti per il Duemila
- 25 maggio 2016
Incontro-dibattito su
Prove aperte. Materiali per uno zibaldone sui teatri
- Aprile 2016
Rivista "Fermenti"
n.244
- 11 maggio 2016
Presentazione La costituzione del testo e
Di traverso il Novecento
- 9 marzo 2016
Presentazione Il digiuno natalizio
- 25-26 febbraio 2016
Presentazione Il digiuno natalizio
- Febbraio 2016
Pubblicazione
Il digiuno natalizio
- 03 febbraio 2016
Presentazione Di traverso il Novecento
- 2 dicembre 2015
Presentazione Di traverso il Novecento
VIDEO
- 25 novembre 2015
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 243
VIDEO
- 20 novembre 2015
Presentazione Le due scarpe sinistre dei poeti
- Ottobre 2015
Pubblicazione
Prove aperte vol. I
- Ottobre 2015
Pubblicazione
La costituzione del testo
- Settembre 2015
Rivista "Fermenti"
n.243
- Presentazione 21 Aprile 2015:
FOTO e VIDEO
- Giugno 2015
Pubblicazione
Poesie scelte
- 20 Giugno
Inaugurazione mostra e conferenza:
Marino Piazzolla: poesia, arte, pensiero
- 20 Giugno-5 Luglio
Marino Piazzolla: mostra dipinti, disegni, sculture
- Giugno 2015
Pubblicazione
Le due scarpe sinistre dei poeti
- Testimonianze AUDIO:
Velso Mucci: letture
- Giugno 2015
Pubblicazione
Di traverso il Novecento
- Aprile 2015
Pubblicazione
Scritti diversi e dispersi.
Saggi
- 21 Aprile 2015
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 242
Leopardi. La cognizione del vero
- 18 Aprile 2015
Presentazione
Tenori
- Gennaio 2015
Pubblicazione
Leopardi.
La cognizione del vero
- Gennaio 2015
Pubblicazione
Tenori.
Il Pavone, l’Espada e il Salice piangente dal Barocco alla fine dell’Opera
- Dicembre 2014
Rivista "Fermenti"
n.242
- Luglio-Agosto 2014
Mostra Marino Piazzolla scultore. Hudèmata
- 17 Luglio 2014
Presentazione
La vocazione sospesa
- 18 Giugno 2014
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 241
NUMERO DA COLLEZIONE
- Maggio 2014
Rivista "Fermenti"
n.241
- Maggio 2014
Pubblicazione
Le verità della letteratura
- 26 Marzo 2014
Presentazione
La vocazione sospesa
- Marzo 2014
Pubblicazione
Le mie teorie eretiche
Conversazioni a Radio France Culture
- 13 Dicembre 2013
Scritture in movimento
Video
- 29 Ottobre 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 240
Video
- Dicembre 2013
Pubblicazione
Esilio sull'Himalayacon traduzione greca a fronte
- Ottobre 2013
Pubblicazione
La vocazione sospesa
- 29 Ottobre 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 240
NUMERO DA COLLEZIONE
- Ottobre 2013
Rivista "Fermenti"
n.240
- Testimonianze VIDEO
Conferenza Concerto
Il passaggio come luogo poetico
- 16 Aprile 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 239
Video
Foto
- Febbraio 2013
Rivista "Fermenti"
n.239
- Fahrenheit Rai Radio 3:
Su Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
Vincitori
Motivazioni
Foto
- Intervento inedito
di Donato Di Stasi
su Biancamaria Frabotta
vincitrice
Premio Penne-Piazzolla
Poesia Edita 2012
- Intervento inedito
di Maria Grazia Calandrone
su Biancamaria Frabotta
vincitrice
Premio Penne-Piazzolla
Poesia Edita 2012
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
1 dicembre 2012
INVITO
- Recensione da "L'Unità":
Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
POESIA EDITA E INEDITA
- Recensione:
"Fermenti" n.238
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 238
- Testimonianze VIDEO
Presentazione
Lo scrigno del dialetto
- Recensione:
Testimonianze critiche per
Marino Piazzolla poeta vol.2
- Testimonianze VIDEO:
04 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Cardarelli - Insana
- Maggio 2012
Pubblicazione:
Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- Testimonianze VIDEO:
11 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Jacobbi - Villa
- Aprile 2012
Pubblicazione:
Atti dei Convegni
per il Centenario della nascita
di Marino Piazzolla
- Aprile 2012
Pubblicazione:
Testimonianze critiche per
Marino Piazzolla poeta
Vol. 2
- 2 maggio 2012
Conferenza-Concerto
Il passaggio come luogo poetico
- 20 marzo 2012
Presentazione
Esilio sull'Himalaya
- Recensione:
L'Eremita di Roma.
Vita e opere di Giorgio Vigolo
- Testimonianze VIDEO:
18 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Rosselli - Frabotta
- Testimonianze VIDEO:
15 Gennaio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Folgore - Ottonieri
- Testimonianze VIDEO:
12 Febbraio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Sinisgalli-Di Francesco
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 237
- Testimonianze VIDEO:
29 Gennaio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Marè-dell'Arco
- Testimonianze VIDEO:
18 Dicembre 2007
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Gatto-Spaziani
- Testimonianze AUDIO:
1995 "Omaggio a Piazzolla"
- Testimonianze VIDEO:
"Omaggio a Marino Piazzolla"
sulla RAI nel 1992
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 224
- Marino Piazzolla, ovvero l’erranza e il sangue della poesia
in "Frontiere", 2011
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2011
Vincitori
Motivazioni
Foto
- Testimonianze VIDEO:
Conferenza-Concerto
Piazzolla Interprete del Novecento
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 227
- Settembre 2011
Pubblicazione:
Rivista "Fermenti" n. 237
- María Zambrano:
Il poeta italiano Marino Piazzolla
in Luoghi di Poesia,
Bompiani 2011
- Settembre 2011
Recensione:
Quaderno brasiliano
- Agosto 2011
Recensione:
Sconnessioni
- Luglio 2011
Recensione:
Dalla parola al silenzio
- Luglio 2011
Recensione:
Esilio sull'Himalaya
- Giugno 2011
Recensione:
L'eremita di Roma
da RAI News 24
- Intervento critico
di Canio Mancuso
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su
Edoardo Cacciatore e
Francesco Muzzioli
- 5 Aprile 2011
Presentazione n. 235
rivista "Fermenti"
VIDEO
FOTO
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su
Giorgio Vigolo e
Mario Socrate
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su Angelo Maria Ripellino
- 18 Maggio 2011
Presentazione sotto
l'egida della fondazione
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 226
- Marzo 2011
Recensione:
"Fermenti" n. 236

Testimonianze:
Piazzolla: "Porto a spasso la vita"
- Febbraio 2011
Recensione:
L'eremita di Roma
- Febbraio 2011
Nota di lettura:
Esilio sull'Himalaya
- Gennaio 2011
Recensione:
Hudèmata
- Gennaio 2011
Pubblicazione:
Rivista "Fermenti" n. 236
- Gennaio 2011
Recensione:
Esilio sull'Himalaya
- Dicembre 2010
Pubblicazione:
Dalla parola al silenzio
di Marco Lazzerini
- Dicembre 2010
Pubblicazione:
Esilio sull'Himalaya
di Marino Piazzolla
- 27 Novembre 2010
PREMIO PENNE - PIAZZOLLA
PREMIAZIONE
MOTIVAZIONI
FOTO
- 12 Novembre 2010
Presentazione n. 235
rivista "Fermenti"
VIDEO
FOTO
- Novembre 2010
Pubblicazione:
Quaderno Brasiliano
di Ruggero Jacobbi
Marino Piazzolla "Controvento"
da "Paideia"
- Settembre 2010
Pubblicazione:
L'eremita di Roma
Vita e opere di Giorgio Vigolo
- Sezione VIDEO:
Hudèmata Actabat
maggio 2008
- Sezione AUDIO:
Interviste a Piazzolla
per France Culture
1978
- PREMIO "GIACOMO LEOPARDI"
Premio speciale Fondazione Piazzolla
Il vincitore
Premiazione 29 giugno 2010
- Giugno 2010
PUBBLICAZIONI
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
S. FERDINANDO DI PUGLIA
29 Maggio
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
ROMA 12 Maggio
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
ROMA 12 Maggio
VIDEO
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
URBINO 21-22 Aprile
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
URBINO 21-22 Aprile
VIDEO
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
- 20 Apr 2010
Seminario Univ. di Lille
su Roberto Sacchetti
- Sezione VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 234
- Sezione AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su Velso Mucci
- Sezione VIDEO:
Intervista a
Hans Werner Henze
- Febbraio 2010
Pubblicazione:
Sole metallico, morbide lune
antologia con testo a fronte italiano-greco
- Sezione VIDEO:
RICORDO DI VITO RIVIELLO
27 Novembre 2009
- 28 Novembre 2009
PREMIO PENNE - PIAZZOLLA
PREMIAZIONE
MOTIVAZIONE
FOTO
- 1 Dicembre 2009
Incontro con l'autrice:
Assia Papp
- 17 Novembre 2009
Presentazione
I Teatronauti del Chaos
- 5 Novembre 2009
Presentazione Catalogo 2009
Fermenti Editrice