Fondazione «Giovanni, Maria Teresa e Marino Piazzolla» riconosciuta con deliberazione n° 6487 del 1 Luglio 1988 Giunta Regionale del Lazio

e-mail: fondazionepiazzolla@libero.itaggiornato il 05/06/2019

Studi » Velio Carratoni: Poeta dissanguato

da "FERMENTI", nn. 174/176, 1986

Su "La Stampa" di Torino del 15 dicembre 1985, un certo a.p., a pag. 7, ha definito Marino Piazzolla "persona stravagante, filosofo e pittore..." e non già poeta, in riferimento a questioni di cronaca nera, nelle quali Marino si è trovato trascinato, non da protagonista, ma da coerede di un patrimonio inaspettato, non goduto e consistente, arrivatogli in età non idonea a subire emozioni massacranti. "Cronaca vera" ha seguito tutta la vicenda dell'eredità Piazzolla, mentre i giornali nostrani che contano, tranne "Il Tempo" di fine giugno 1985, non hanno dedicato nessuno spazio, non dico per rievocare, ma almeno per comunicare ai lettori la notizia della sua morte. Gli stessi giornali che invece non si astengono dal parlare dei soliti falsi miti e dei soliti poeti che contano. Pochissimi, per la verità, rispetto al nugolo agguerrito di cantori di versi, di rime, di vocaboli, per lo più frustrati e paranoici che si vantano di non sapere cosa sia la realtà, e la vita la vivono solo in chiave onanistico-esibizionista, in nome dell'umoralità schizoide.
Ad a. p. de "La Stampa", vorrei chiedere: "Ha mai conosciuto Marino Piazzolla?"; "Su quali elementi ha basato le sue definizioni improprie?". Piazzolla, non mi sembra sia stato persona "al di fuori di un ordine prefissato dalla consuetudine o dalla normalità". Fino all'età del pensionamento ha svolto funzioni di professore di storia e filosofia nei licei; ha vissuto parcamente come può permettersi un insegnante dello Stato; per anni si è adattato a vivere in mini o in modeste abitazioni, dedicando la maggior parte del tempo allo studio, a scrivere, a seguire ogni manifestazione artistico-culturale della capitale. Lo si vedeva dappertutto, da osservatore attento, da rampognatore nei confronti di ogni stortura sociale e di cricca. Con la sua severità, non stimava i carrieristi, i ruffiani, gli approfittatori. Era animato da una moralità da non confondere con il moralismo d'accatto, che rigettava e contestava, come gli ipocriti e i farisei. Tra i tanti intellettualoidi nostrani si distingueva per un senso della semplicità che non aveva nulla a che vedere con la stravaganza di cui parla a.p. (chi è costui?).
Se, quasi alla fine della vita gli è capitato di fare i conti con "La puzza del danaro" è stato per lui - persona schiva e disinteressata - una vera e propria calamità. Negli ultimi mesi Marino è diventato diffidente e strano per i vari malanni che l'affliggevano e per un nuovo ruolo a cui non era abituato. Lo dice chi l'ha conosciuto da vicino e frequentato per molto tempo.
"Sono convinto", mi diceva, "di aver rinnovato la poesia italiana non soltanto attraverso l'immedesimazione con la lirica greca, ma attraverso l'imagismo, il magicismo, l'analogismo e la presenza di più poetiche, elaborate in circa cinquant'anni di ricerca e di creazione". Concetti, oltre ad altri, trattati in una intervista rilasciatami nel 1977 e pubblicata su "Fermenti" nel n. 4, pag. 18 (una specie di summa della sua poetica). Un anno prima di morire, mentre camminavamo nei pressi di casa sua, irritato, come al solito, per le interminabili pratiche burocratico-amministrative della successione, che gli era piombata addosso, fermatosi, d'improvviso, in un angolo, proprio di fronte ad un'auto rossa e stranamente imbrattata, fissando-mi negli occhi mi ha dettato Il marchio degli italioti. "Hai una penna?". "Un momento che la prendo", gli ho risposto. "Scrivi", ha proseguito. Mi sono appoggiato alla macchina imbrattata verso le ruote di un fango spesso e nerastro: "Gli italioti maltrattano i bambini; trascurano i vecchi; dimenticano i morti". Dopo tali parole fu assalito da un mutismo nervoso, sfogato da una camminata, quella sera, più lenta e affaticata del solito.
Ciò che i suoi detrattori o abulici fruitori di una cultura da loro stessi non conosciuta, dovrebbero fare, è leggere i suoi versi che saranno smisurati, tanto da divenire spesso complicati, a volte prolissi o robusti, ma non per questo non degni di essere considerati, proprio perché si dovrebbe incominciare a fare una vera cernita di ciò che di buono e autentico ha scritto. Ma non si esprima alcun giudizio, solo in rapporto alla quantità dei versi. Qualcuno, al riguardo, ha fatto il paragone con Dante, Leopardi, Petrarca, volendo dimostrare che le parti valide ditali poeti sono poche e rare. D'accordo, ma a parte l'eccezione di Dante che è stato grande, in linea di massima, anche nella quantità (non si dimentichino le cantiche della Commedia, smisurate ed ampie, ma non per questo non sempre valide - è inutile fare i crociani ad ogni costo -) per esprimere un giudizio complessivo su di loro ci sono voluti anni di studio, di applicazioni, di analisi. Per Marino Piazzolla, a parte tutti i critici che si sono occupati di lui, in chiave militante ed occasionale, da Sansone a Spagnoletti, da Frattini a Cimatti, da Barberi Squarotti a Dell'Aquila, da Raya a Belli, siamo all'anno zero per quanto concerne una sua vera e propria collocazione nel panorama della poesia italiana contemporanea. E stato escluso dalle più importanti antologie ~pparse in Italia, negli ultimi anni. E i vari Raboni, Siciliano, Sanguineti, Forti, Mengaldo, Anceschi, Bigongiari, Contini ecc. non si sono mai occupati della sua poesia. Manacorda, nella Storia della Letteratura con-temporanea, 1940-1975, Ed. Riuniti, 1977, lo ha appena citato "tra altri nomi destinati a diversi esiti nella poesia e nella critica". Per Carlo Bo, sarà più facilmente compreso dai francesi, in quanto la sua poesia passa attraverso Baudelaire, Rimbaud, Mallarmé, Valéry, Apollinaire. Così è avvenuto con le lunghe interviste alla radio francese di pochi anni fa, con l'attenzione di Gide alla sua poesia e la paziente critica del poeta provenzale Méjean. Il giudizio affrettato di Bo, sa troppo di disimpegno. Attilio Bertolucci rimaneva impressionato ogni volta che riceveva un suo nuovo volume: "Ma non scrivi troppo?". E tali giudizi avventati lo inorridivano, proprio perché non si basavano sulla cernita effettuata, ma sul pregiudizio della quantità, di fronte alla quale, in Italia, troppi Pedullà, Asor Rosa, Ramat ecc. finora non l'hanno preso in considerazione. Tanto che Marino in "Quel muro di silenzio", tratto da Il Pianeta nero, ed. Fermenti, 1985, indignato, ritenendosi poeta dissanguato, li ha invitati ad ascoltarlo: "Vi ordino di leggermi / anche se siete / volutamente ciechi /...". La sua litania martellante prosegue: "Vi ordino di aprire i miei libri...", "Vi ordino di aprire / le orecchie colme di cerume..."; "Siete fatti di mosto putrefatto / di zucchero inacidito / non avete mai fatto bollire / i vostri coglioni / a cui somigliate..."; "Voi baron fottuti / - come diceva Leopardi - / vi coalizzate contro l'isolato..."; "Da cinquant'anni / sono il vostro incubo. / Per vostro decreto occulto / devo restare ignorato..."; "Voi siete cadaveri / voi già puzzate di carogna / e avete la mano facile all'incasso..."; ecc...
Queste apostrofi, rivolte verso il potere delle nostre lettere amorfe e asservite, feudo dei politicanti, sono lanciate da Marino, come una specie di maledizione ad oltranza, che dovrebbe far scuotere chi èsuperstizioso e codino.
Gli stessi concetti dei versi di cui sopra sono riportati in un altro scritto, pubblicato su "Fermenti" del luglio-ottobre 1978: "... nel nostro Paese la cultura fa le sue covate nelle prefetture e nelle questure. Da questi luoghi deprimenti escono schiere di critici e di letterati, provinciali fin nel midollo e mercanti ingordi, tuttora legati fra di loro "baron fottuti coalizzati contro l'isolato" (si noti la citazione insistente n.d.r.), - come diceva Leopardi - da interessi esclusivamente editoriali o di dan, interessi che non hanno nulla a che vedere con l'arte, con la poesia e con la cultura nel senso antico e moderno della parola".
Questo suo lato impulsivo e sanguigno non gli faceva accettare nessuna forma di diplomazia sancita. Per questo dovremmo appel-larlo "stravagante"?
Qualche giorno fa ho sentito Toti Scialoja definirlo "poeta degli anni cinquanta". Ed ancora: "Era un illuso e un velleitario, poverino. I suoi versi sono poca cosa. E poi era anche una specie di persona senza nerbatura e incapace di reagire".
"Ma lei l'ha conosciuto davvero?".
"Negli anni cinquanta aveva creato poco e male. Sono andato all'estero e quando sono tornato già non esisteva più".
"Lei ha detto che era incapace di reagire, ma era un tipo che all'occasione poteva essere rissoso. E poi ha letto Lettere della sposa demente?".
"Lasciamo andare. Oggi c'è posto per tutti".
Un altro scrittore che ha pubblicato con Mondadori: "Era un autosufficiente. Si credeva di essere chissà chi. Rappresentava un genere di cultura che non m'interessa".
Un critico da me interpellato per rievocarlo presso una certa associazione della capitale: "Marino mi ha rotto i coglioni".
"Oggi di lui non si parla affatto o è ricordato da giornali scandalistici, per fatti di cronaca, che hanno come tema la famosa eredità". Ho rivolto tale domanda a molti critici militanti, molti dei quali poeti, proseguendo: "Ma non sì può fare qualcosa per ricordano, se non altro per informare chi lo conosceva che è morto? Moki non sanno neanche questo".
"Che c'entra, quei giornali che l'hanno trattato in quella chiave non fanno testo. Marino non ha bisogno di essere valorizzato o trattato, ha un'ampia bibliografia. E poi è stato un poeta che ha sempre avuto uno stipendio, non da poeta, ma da professore. Ti sembra niente?" Il discorso si è chiuso così. Ho provato a proseguirlo, ma all'infuori di Alberto Frattini che ha sempre studiato e seguito Marino, chi avrebbe potuto, non mi ha dato ascolto. Qualcuno, visto il mio interessamento, mi avrà anche frainteso.
Un certo "benpensante", fissato di ascetismo, di castità ad oltranza, di moralismi confezionati, di digiuno per prevenire ogni infermità, di ascetismo per aver troppo maneggiato carta moneta, mi aveva promesso che mi avrebbe presentato Piazzolla - parlo degli anni sessanta - se per un anno avessi stampato su "Fermenti" un gallo da lui appositamente disegnato. Respinta una proposta del genere e conosciuto lo stesso Marino, mi sono divertito ad informarlo della proposta avuta. Al che Marino, riferendosi a tale artista, pittore, imprenditore, ora vincitore di un premio assegnatogli direttamente dal Presidente Cossiga esclamò: "Ecco l'Italia di oggi. C'è perfino chi baratta le conoscenze". Ed alla morte di Marino, il moralista, poeta, retorico e declamante, ora datosi al teatro, con tono nebuloso ed altisonante, ha affermato: "Così è morto il professore.. Ora cesserà di fare la mano morta sugli autobus".
Gli esempi, alquanto blasfemi su riportati, dimostrano quanto sia di bassa lega il nostro ambiente letterario-culturale. Un ambiente ove vigono la mafia di potere, il favoritismo, l'analfabetismo di ritorno, la prepotenza, la grettezza. Chi può farlo, se ne vada all'estero, se vuol fare cultura o quanto meno si allontani da città dormitorio, burocratiche e chiuse come Roma.
Marino c'era venuto apposta, prima da S. Ferdinando di Puglia e poi da Parigi. Ed a Parigi era stato apprezzato da Gide. A Roma è avvenuta la sua imbalsamazione, ad opera di tristi figuri che con la cultura hanno poco a che vedere, anche se da essi dipende ogni decisione per le sorti di artisti, giornalisti, registi ecc.
Per Pasolini c'è stata una persecuzione ad opera di ipocriti benpensanti. Rileggiamo al riguardo ciò che Piazzolla scriveva su "Fermenti", n. 1-2 (1976), a proposito di lui: "...diventa grave il fatto che Pasolini sia stato ucciso per ragioni delicatamente private e che divengono, quindi, esecrabili, mentre non diventano delitti la speculazione edilizia, i ministri che rubano, lo sfruttamento degli operai, lo strapotere dei vari centri di potere politici e culturali, le varie mafie, le ipocrisie praticate da tutti gli ideologi, la violenza, l'aver messo le masse nell'impossibilità di controllare le malefatte della classe dirigente e la demagogia delle opposizioni, di accettare la ipocrisia come norma di buon costume, il farci diventare complici di un andazzo politico-sociale-morale che sta dilagando e che ha trasformato la società in un coacervo di delitti che sono molto più gravi della pratica dell'omosessualità... Tutto questo accade e non può essere diversamente in un paese in cui non c'è stata una lunga tradizione di cultura libertaria. Alcuni dicono morte squallida, altri fanno vita squallida". Tematiche de Il Pianeta nero che sono sempre affiorate nei suoi interventi lungimiranti.
Altri esempi di una sua posizione critica sempre autonoma e stimolante: "Le riviste letterarie un tempo nascevano, anche in Italia, dallo slancio puro di un nuovo gruppo che aveva qualcosa da dire; oggi, le riviste nascono con dietro le quinte gruppi politici interessati che se ne infischiano, in realtà, della vera cultura o del vero intellettuale, volendo soltanto tirar paglia sul proprio fuoco..." ("Fermenti", n. 10-12, 1977); "Nel secolo XX, noi stiamo scontando praticamente tutti gli errori teorici che furono l'orgoglio di quasi tutta la cultura dell'800. Questi errori teorici sono: l'idea di progresso, il liberalismo, la democrazia, il socialismo, in politica; l'idea di uno stato totalitario in diritto; la fede nella scienza in filosofia. Tutti questi miti commisero il piccolo errore di dimenticare l'uomo...", cit. Su Moravia:"... mi limiterò a dire che è un buon narratore ma un accorto e zelante amministratore di quella politica culturale che in Italia promette quattrini e potere". Su Montale: "...malgrado abbia vinto il premio Nobel, penso che non sia andato aldilà di una poesia fondata sui presupposti di un pessimismo di maniera, prefabbricato e non sostenuto da una reale esperienza esistenziale...".
Su Ungaretti: "Non esitò a servirsi di Mussolini per imporsi come poeta ufficiale, come professore di letteratura italiana, nominato per chiara fama e, per ultimo eletto Accademico d'Italia. Comunque Ungaretti, da un punto di vista poetico, possiede una certa freschezza e un autentico abbandono lirico che lo distingue da Montale. Dei tre poeti, il più umano e senza dubbio il più legato sia al mondo antico che al mondo moderno fu Salvatore Quasimodo, poeta ricco di pathos greco e di magia tutta contemporanea. A tal proposito devo dire che dei tre poeti il più benevolo nei miei riguardi (aveva di me un'autentica e sincera stima) fu precisamente Quasimodo". E Cardarelli?"... pur essendo dotato di viva intelligenza e gusto, come autodidatta aveva letto pochissimi libri e conosceva pochi autori e in superficie...". Da "Intervista a Marino Piazzolla", a cura di Velio Carratoni, Fermenti, n. 4, 1977, cit.
La persecuzione del mondo delle lettere nei confronti di Piazzolla, ha creato nei suoi confronti, come già detto, l'equivoco del poeta che "scrive troppo". E riferendosi a tale equivoco, mi diceva: "Oggi vanno di moda gli autori di cacatine. Chi scrive con una struttura un po' più rifinita mette in crisi". E riferendosi ai critici: "Non mi leggono, in quanto non hanno la capacità di comprendermi. Anch'io ho scritto le cacatine. Leggano almeno quelle. Ma no, sono di quell'autore che il più delle volte ha il fiato grosso".

Velio Carratoni

su

Cerca nel sito
BIBLIOGRAFIA di Marino Piazzolla
aggiornata
OMAGGIO
A MARINO PIAZZOLLA
versione ONLINE
Vol. 1 - ANTOLOGIA
Vol. 2 - CRITICA
IL 5 PER MILLE PER
SOSTENERE LA FONDAZIONE PIAZZOLLA [2018]
Fondazione Piazzolla - Ritrovaci su Facebook
Fondazione Piazzolla - Seguici su Twitter
NEWS
- Giugno 2019
Pubblicazione
Il fiore della poesia colombiana d’oggi
- 3 Aprile 2019
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 248
VIDEO
- Aprile 2019
Pubblicazione
Il fiore della poesia boliviana d’oggi
- 03 Aprile 2019
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 248
- Gennaio 2019
Rivista "Fermenti"
n.248
- Novembre 2018
Pubblicazione
Scrivi!
- 24 Ottobre 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 247
VIDEO
- 29 settembre 2018
Premio Città di Trento 2018 per la traduzione poetica a POESIE SCELTE di William Cliff
- Luglio 2018
Rivista "Fermenti"
n.247
- Maggio 2018
Pubblicazione
Enlures
- 14 marzo 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 246
VIDEO
- 16 Marzo 2018
Serata dedicata a V. Krivulin, A. Mironov, E. Schwarz
- 11 Marzo 2018
Presentazione
Nel cristallo della stella Mizar
- 14 Marzo 2018
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 246
- Febbraio 2018
Pubblicazione
Nel cristallo della stella Mizar
- Dicembre 2017
Rivista "Fermenti"
n.246
- 23 Novembre 2017
Presentazione recenti titoli Fermenti
VIDEO
- Novembre 2017
Per Nencioni
con 35 lettere inedite
- 09 Agosto 2017
Incontro a S. Ferdinando di Puglia
- Giugno 2017
'900 OUT
Scrittori italiani irregolari
- 21 Aprile 2017
Presentazione
DISPACCI SENZA REPLICA
di Mario Lunetta
VIDEO
- 21 Maggio 2017
Giornata di studi
LEOPARDI TRA POESIA E FILOSOFIA
- 09 Maggio 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
- In ricordo di
Giorgio Bárberi Squarotti
- 15 marzo 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
VIDEO
- 30 Marzo 2017
Presentazione
Prove aperte vol.2
- 18 Marzo 2017
Vernissage
Le distanze tra i filari
- Marzo 2017
Quando il rumore della vita teme la propria eco
- 15 Marzo 2017
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 245
- Febbraio 2017
Pianisterie
- Febbraio 2017
Rivista "Fermenti"
n.245
- Gennaio 2017
PROVE APERTE vol. II
- Novembre 2016
LE ANCELLE DELLA REGINA MAB
- Ottobre 2016
DISPACCI SENZA REPLICA
Ragionamenti secondari su cultura e società
- 10 settembre 2016
Premio Feronia 2016 per la saggistica assegnato a Prove aperte vol. 1
- 14 giugno 2016
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 244
VIDEO
- 11 Maggio 2016
Incontro Tra qualità e tendenza: le voci di una letteratura che resiste
VIDEO
- 14 Giugno 2016
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 244
- Maggio 2016
Critica e storia
Rendiconti per il Duemila
- 25 maggio 2016
Incontro-dibattito su
Prove aperte. Materiali per uno zibaldone sui teatri
- Aprile 2016
Rivista "Fermenti"
n.244
- 11 maggio 2016
Presentazione La costituzione del testo e
Di traverso il Novecento
- 9 marzo 2016
Presentazione Il digiuno natalizio
- 25-26 febbraio 2016
Presentazione Il digiuno natalizio
- Febbraio 2016
Pubblicazione
Il digiuno natalizio
- 03 febbraio 2016
Presentazione Di traverso il Novecento
- 2 dicembre 2015
Presentazione Di traverso il Novecento
VIDEO
- 25 novembre 2015
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 243
VIDEO
- 20 novembre 2015
Presentazione Le due scarpe sinistre dei poeti
- Ottobre 2015
Pubblicazione
Prove aperte vol. I
- Ottobre 2015
Pubblicazione
La costituzione del testo
- Settembre 2015
Rivista "Fermenti"
n.243
- Presentazione 21 Aprile 2015:
FOTO e VIDEO
- Giugno 2015
Pubblicazione
Poesie scelte
- 20 Giugno
Inaugurazione mostra e conferenza:
Marino Piazzolla: poesia, arte, pensiero
- 20 Giugno-5 Luglio
Marino Piazzolla: mostra dipinti, disegni, sculture
- Giugno 2015
Pubblicazione
Le due scarpe sinistre dei poeti
- Testimonianze AUDIO:
Velso Mucci: letture
- Giugno 2015
Pubblicazione
Di traverso il Novecento
- Aprile 2015
Pubblicazione
Scritti diversi e dispersi.
Saggi
- 21 Aprile 2015
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 242
Leopardi. La cognizione del vero
- 18 Aprile 2015
Presentazione
Tenori
- Gennaio 2015
Pubblicazione
Leopardi.
La cognizione del vero
- Gennaio 2015
Pubblicazione
Tenori.
Il Pavone, l’Espada e il Salice piangente dal Barocco alla fine dell’Opera
- Dicembre 2014
Rivista "Fermenti"
n.242
- Luglio-Agosto 2014
Mostra Marino Piazzolla scultore. Hudèmata
- 17 Luglio 2014
Presentazione
La vocazione sospesa
- 18 Giugno 2014
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 241
NUMERO DA COLLEZIONE
- Maggio 2014
Rivista "Fermenti"
n.241
- Maggio 2014
Pubblicazione
Le verità della letteratura
- 26 Marzo 2014
Presentazione
La vocazione sospesa
- Marzo 2014
Pubblicazione
Le mie teorie eretiche
Conversazioni a Radio France Culture
- 13 Dicembre 2013
Scritture in movimento
Video
- 29 Ottobre 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 240
Video
- Dicembre 2013
Pubblicazione
Esilio sull'Himalayacon traduzione greca a fronte
- Ottobre 2013
Pubblicazione
La vocazione sospesa
- 29 Ottobre 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 240
NUMERO DA COLLEZIONE
- Ottobre 2013
Rivista "Fermenti"
n.240
- Testimonianze VIDEO
Conferenza Concerto
Il passaggio come luogo poetico
- 16 Aprile 2013
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 239
Video
Foto
- Febbraio 2013
Rivista "Fermenti"
n.239
- Fahrenheit Rai Radio 3:
Su Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
Vincitori
Motivazioni
Foto
- Intervento inedito
di Donato Di Stasi
su Biancamaria Frabotta
vincitrice
Premio Penne-Piazzolla
Poesia Edita 2012
- Intervento inedito
di Maria Grazia Calandrone
su Biancamaria Frabotta
vincitrice
Premio Penne-Piazzolla
Poesia Edita 2012
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
1 dicembre 2012
INVITO
- Recensione da "L'Unità":
Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2012
POESIA EDITA E INEDITA
- Recensione:
"Fermenti" n.238
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 238
- Testimonianze VIDEO
Presentazione
Lo scrigno del dialetto
- Recensione:
Testimonianze critiche per
Marino Piazzolla poeta vol.2
- Testimonianze VIDEO:
04 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Cardarelli - Insana
- Maggio 2012
Pubblicazione:
Lo scrigno del dialetto
Meli Porta Belli Di Giacomo
- Testimonianze VIDEO:
11 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Jacobbi - Villa
- Aprile 2012
Pubblicazione:
Atti dei Convegni
per il Centenario della nascita
di Marino Piazzolla
- Aprile 2012
Pubblicazione:
Testimonianze critiche per
Marino Piazzolla poeta
Vol. 2
- 2 maggio 2012
Conferenza-Concerto
Il passaggio come luogo poetico
- 20 marzo 2012
Presentazione
Esilio sull'Himalaya
- Recensione:
L'Eremita di Roma.
Vita e opere di Giorgio Vigolo
- Testimonianze VIDEO:
18 Marzo 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Rosselli - Frabotta
- Testimonianze VIDEO:
15 Gennaio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Folgore - Ottonieri
- Testimonianze VIDEO:
12 Febbraio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Sinisgalli-Di Francesco
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 237
- Testimonianze VIDEO:
29 Gennaio 2008
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Marè-dell'Arco
- Testimonianze VIDEO:
18 Dicembre 2007
Le voci della città
Poeti a Roma (1950-2000)
Gatto-Spaziani
- Testimonianze AUDIO:
1995 "Omaggio a Piazzolla"
- Testimonianze VIDEO:
"Omaggio a Marino Piazzolla"
sulla RAI nel 1992
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 224
- Marino Piazzolla, ovvero l’erranza e il sangue della poesia
in "Frontiere", 2011
- PREMIO
PENNE - PIAZZOLLA 2011
Vincitori
Motivazioni
Foto
- Testimonianze VIDEO:
Conferenza-Concerto
Piazzolla Interprete del Novecento
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 227
- Settembre 2011
Pubblicazione:
Rivista "Fermenti" n. 237
- María Zambrano:
Il poeta italiano Marino Piazzolla
in Luoghi di Poesia,
Bompiani 2011
- Settembre 2011
Recensione:
Quaderno brasiliano
- Agosto 2011
Recensione:
Sconnessioni
- Luglio 2011
Recensione:
Dalla parola al silenzio
- Luglio 2011
Recensione:
Esilio sull'Himalaya
- Giugno 2011
Recensione:
L'eremita di Roma
da RAI News 24
- Intervento critico
di Canio Mancuso
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su
Edoardo Cacciatore e
Francesco Muzzioli
- 5 Aprile 2011
Presentazione n. 235
rivista "Fermenti"
VIDEO
FOTO
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su
Giorgio Vigolo e
Mario Socrate
- Testimonianze AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su Angelo Maria Ripellino
- 18 Maggio 2011
Presentazione sotto
l'egida della fondazione
- Testimonianze VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 226
- Marzo 2011
Recensione:
"Fermenti" n. 236

Testimonianze:
Piazzolla: "Porto a spasso la vita"
- Febbraio 2011
Recensione:
L'eremita di Roma
- Febbraio 2011
Nota di lettura:
Esilio sull'Himalaya
- Gennaio 2011
Recensione:
Hudèmata
- Gennaio 2011
Pubblicazione:
Rivista "Fermenti" n. 236
- Gennaio 2011
Recensione:
Esilio sull'Himalaya
- Dicembre 2010
Pubblicazione:
Dalla parola al silenzio
di Marco Lazzerini
- Dicembre 2010
Pubblicazione:
Esilio sull'Himalaya
di Marino Piazzolla
- 27 Novembre 2010
PREMIO PENNE - PIAZZOLLA
PREMIAZIONE
MOTIVAZIONI
FOTO
- 12 Novembre 2010
Presentazione n. 235
rivista "Fermenti"
VIDEO
FOTO
- Novembre 2010
Pubblicazione:
Quaderno Brasiliano
di Ruggero Jacobbi
Marino Piazzolla "Controvento"
da "Paideia"
- Settembre 2010
Pubblicazione:
L'eremita di Roma
Vita e opere di Giorgio Vigolo
- Sezione VIDEO:
Hudèmata Actabat
maggio 2008
- Sezione AUDIO:
Interviste a Piazzolla
per France Culture
1978
- PREMIO "GIACOMO LEOPARDI"
Premio speciale Fondazione Piazzolla
Il vincitore
Premiazione 29 giugno 2010
- Giugno 2010
PUBBLICAZIONI
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
S. FERDINANDO DI PUGLIA
29 Maggio
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
ROMA 12 Maggio
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
ROMA 12 Maggio
VIDEO
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
URBINO 21-22 Aprile
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
LE MANIFESTAZIONI
URBINO 21-22 Aprile
VIDEO
- 2010 L'ANNO DEL CENTENARIO
- 20 Apr 2010
Seminario Univ. di Lille
su Roberto Sacchetti
- Sezione VIDEO:
Presentazione
Rivista "Fermenti" n. 234
- Sezione AUDIO:
"Le voci della città"
conferenza su Velso Mucci
- Sezione VIDEO:
Intervista a
Hans Werner Henze
- Febbraio 2010
Pubblicazione:
Sole metallico, morbide lune
antologia con testo a fronte italiano-greco
- Sezione VIDEO:
RICORDO DI VITO RIVIELLO
27 Novembre 2009
- 28 Novembre 2009
PREMIO PENNE - PIAZZOLLA
PREMIAZIONE
MOTIVAZIONE
FOTO
- 1 Dicembre 2009
Incontro con l'autrice:
Assia Papp
- 17 Novembre 2009
Presentazione
I Teatronauti del Chaos
- 5 Novembre 2009
Presentazione Catalogo 2009
Fermenti Editrice